Home Conoscere Hardware e Informatica Core I3 VS Core I5 VS Core I7. E adesso quale...

Core I3 VS Core I5 VS Core I7. E adesso quale INTEL “Core” scelgo?
C

Una scelta difficile che conviene fare nel modo giusto

Ora immagina di passeggiare tra gli scaffali di un negozio di informatica. I primi prodotti che vedi sono dei computer a basso costo con dei processori del tipo Intel Celeron o Intel Pentium.
Leggi le caratteristiche, e ti sembrano accettabili. Ma passi oltre perché vuoi qualcosa in più.
Pochi passi oltre scopri l’esistenza di processori molto più veloci e performanti. I prezzi salgono un po’, ma anche le caratteristiche tecniche migliorano.

Sei nella sezione “Consumer” di un qualsiasi reparto PC, e davanti agli occhi hai dei succulenti INTEL Core I3 e dei meravigliosi INTEL Core I5.
Poi giri l’angolo, ed è il momento di affrontare un livello ancora superiore: l’INTEL Core I7.
Forse, oltre la fila di scaffali, ci sono gli INTEL Core I9 e gli Extreme. Ma è il caso di occuparsi di questi processori in un altro articolo.

Dopo aver passato in rassegna offerte e prezzi, devi fare i conti con la scelta.
E la domanda è: qual’è il computer adatto a me?
Certamente il fattore “Budget” ha un peso importante. Ma ancor più importante è il fattore d’uso.
Ovvero: per cosa ti serve il PC?

Intel Core I3, un fattore a rischio.

Sebbene l’Intel Core I3 sia un processore calibrato per tutti gli usi, è anche il processore più “piccolo” della fascia consumer di INTEL. Se hai bisogno di un computer Desktop, allora è un processore assolutamente perfetto.
Dopotutto qualsiasi PC Desktop ti permette di navigare in internet, usare i comuni applicativi da ufficio, elaborare qualche immagine e – perché no? – lavorare su video e modeling 3D non troppo impegnativi.

Al momento, INTEL, non ha ancora rilasciato le versioni Core I3 di nona generazione. Ma non manca molto.
In ogni caso voglio fare una previsione: i Core I3 di nona generazione non saranno così diversi da quelli dell’ottava. Diciamo che queste due generazioni convergono sulle caratteristiche tecniche dei processori più “piccoli”.
Quindi, al momento, non conviene aspettare il futuro avvento dei Core I3 9xxx.

Ma, qual’è il “rischio” di acquistare un Core I3?
Il rischio di acquistare un Core I3 è la longevità della macchina. Se sei alle prime armi, o se sei un utente occasionale, non passerà molto tempo prima che ti scoprirai attratto e divertito da taluni applicativi.
Magari potresti appassionarti di fotoritocco, di montaggio video o di modeling 3D. Oppure, semplicemente, ti troverai a giocare con qualche videogame molto divertente.

Il Processore INTEL Core I3 è adatto a tutti questi usi, ma non eccelle in nessuno. La tecnologia ha radici seduttive molto profonde, e appassionarsi di “informatica” significa non accontentarsi di performance di medio livello.
Dopo aver provato un Intel Core I3 vorrai di più. Quindi fa attenzione.

           

Intel Core I5, la scelta più comune.

Così, senza aver molta cognizione del livello d’uso del tuo nuovo computer, ti affidi al “medio virtus”. Un Core I5, infatti, è una scelta adeguata per il 95% delle soluzioni informatiche.
La piattaforma I5 ha un numero di Core sufficienti a gestire piccoli e grandi carichi di lavoro con l’efficacia di un processore su cui – permettimi di semplificare – gira praticamente tutto.

Tutti i comuni software per programmare, scrivere, disegnare e giocare sono adatti a un Core I5.
Ovviamente un Core I5, per esplicare tutta la sua potenza, deve ricorrere a un supporto hardware di buon livello. Innanzitutto ha bisogno di una scheda madre che sappia valorizzarlo (e negli scaffali degli store informatici di “quartiere” non esistono buone schede madri). Lo stesso dicasi per gli alimentatori.
Un Core I5 vuole almeno 350 Watt stabili. Specialmente se associato a una scheda video low profile.

Per schede video più performanti cerca di elevare il wattaggio ad almeno 500. O più.
Quindi, sebbene un Core I5 sia – di per sé – adatto agli usi più comuni, è anche un processore esigente in termini di Build. Ovvero di configurazione hardware.
E, certamente, rispetto a un Core I3 saprà offrirti quello sprint più evoluto per gestire le computazioni necessarie con la velocità del fulmine.

           

Core I7, l’high end alla portata di tutti.

Tra le vecchie glorie del decennio scorso, il Core I7 è il processore più democratico. Amato da tutti, desiderato da molti e generalmente apprezzato, il Core I7 è stato il valido scudiero di professionisti e videogiocatori di tutto il mondo.
Anche oggi non tradisce le aspettative, confermandosi il miglior processore consumer high end del mercato informatico.

Lo so: c’è anche il Core I9. Ma il Core I9 apre una categoria a parte.
Ad ogni modo, se pensi di aver bisogno di un Core I9, hai già in mente un PC ben più elevato di un “consumer”. E quindi non ha senso – per te – leggere questo articolo.

Il Core I7 rappresenta, ancora oggi, l’eccellenza del mercato consumer dei processori. Un I7 è per sempre (o quasi). Un Core I7 fa girare tutti i programmi e i videogiochi moderni. E li fa “girare” davvero bene.
Le caratteristiche collaterali del PC non possono che essere valorizzate dalla presenza di un Core I7. Ma un Core I7 richiede niente di meno del massimo; evita un Core I7 montato su una scheda madre low level. Ed evita un Core I7 non alimentato da una PSU capace di – almeno – 500 Watt.

Il Core I7 serve a chi vuole un PC veloce e performante. Un PC sempre pronto a ospitare upgrade capaci di elevarne la longevità.
E un PC capace di offrire il massimo supporto computazionale sia per usi amatoriali che per lavori professionali.
In altre parole, se hai in mente di imparare a usare programmi di grafica 3D o di montaggio video, non hai molte scelte disponibili oltre a un Intel Core I7.

Core I3 VS Core I5 VS Core I7

E adesso che abbiamo analizzato i singoli processori, passiamo ai confronti. Un Core I3 ha 4 Core, un Core I5 ha 6 Core, e un Core I7 ha 6 Core e l’HyperThreading, o 8 Core senza HyperThreading.
Che cosa significa?
Significa che ogni Core di una CPU si comporta come fosse un processore a sé stante. Opera calcoli in parallelo agli altri Core per elaborare risultati sempre più complessi.

L’HyperThreading si occupa di “simulare” la presenza di un Core aggiuntivo. O, per meglio dire, divide “virtualmente” un Core in due Core. Il processore resta sempre uno, ma nella stessa unità di tempo riesce a gestire il doppio delle operazioni.
Quindi un Core I7 8700K, forte dei suoi 12 Thread (e 6 Core) ha una potenzialità maggiori di un Core I7 9700K con “soli” 8 Core, nonostante le frequenze superiori di quest’ultimo.

Ma i processori non sono solo i core e thread, ma sono anche la velocità con cui riescono a computare calcoli. Di fatto un Core I3 lavora a circa 4.00 Ghz, un Core I5 9600K tocca i 4.60 Ghz, e un Core I7 9700K raggiunge i 4.90 Ghz.
Fa eccezione il Core I7 8086K che – primo processore al mondo – tocca i 5.00 Ghz coi suoi 6 Core e 12 thread a disposizione.

I motivi di un buon PC.

Al di là del prezzo – di cui parleremo a breve – la scelta del processore si deve basare sulla sua portanza operativa. In altre parole, prima di acquistare un PC, devi sapere il “motivo” per cui vuoi acquistare un PC.
E i motivi principali sono:

  • per giocare
  • perché vuoi imparare a usare un PC
  • perché tuo figlio deve fare ricerche a scuola
  • per lavorare
  • perché hai bisogno di un programma specifico (e quindi baserai la scelta del PC sul programma specifico che intendi utilizzare)

La convenienza in termini di prezzo.

Dopo aver capito a cosa ti serve un PC, devi anche fare i conti col portafogli. Perché i PC hanno un costo tutt’altro che trascurabile, ed è importante che la spesa non superi i benefici.
Mi spiego meglio.
Se acquisti un Core I7 per navigare in internet, sta pur certo che navigherai da Dio. Ma spenderai un sacco di soldi in più rispetto a un Core I3 che ti permette di navigare in internet allo stesso modo.

Al contrario, se per risparmiare acquisti un Core I3, ma poi pretendi di elaborare rendering architettonici di grandi dimensioni, allora certamente rimarrai deluso. E in entrambi i casi avrai buttato del denaro.
I computer, come le automobili o gli elettrodomestici in generale, calibrano il prezzo sulle performance. Non esistono – ancora – dei computer che vanno “di moda”. Non esiste il “Gucci” dell’informatica.
L’informatica è più pragmatica dell’abbigliamento, e la qualità va di pari passo al costo.

Certo che, se pretendi di trovare PC a prezzi adeguati dentro uno store di quartiere, allora sei fuori strada.
Gli store di quartiere vendono PC fin troppo calibrati sul concetto di “moda”. Questi occhi, caro mio, hanno visto cose che voi umani non potete nemmeno immaginare [Cit. Blade Runner].

Ho visto Intel Core I3 venduti a più di 650 euro. Un furto.
Ma ho anche visto Intel Core I7 venduti a meno di 800 euro. Una bufala.
Devi sapere che il processore non lavora da solo. Un Computer infatti è un agglomerato di componenti equilibrate che, per funzionare bene, hanno bisogno di caratteristiche specifiche e ben bilanciate.

     

Qual’è il prezzo di un Core I3?

Sebbene sia difficile azzeccare il prezzo giusto di un PC conoscendo il solo modello del processore, è anche pacifico che un processore – per funzionare al meglio – ha bisogno di un “contorno” adeguato. Quindi possiamo ipotizzare una macchina ben bilanciata a prezzo onesto.
Un processore Core I3, come componente singolo, costa in media 135 euro. Ovvero dalle 120 di un Core I3 8100, alle 155 di un Core I3 8350K.

Il Core I3 si accontenta di una scheda madre low level, ma capace di un Bandwidth di 8Gt/s e con un Chipset – almeno – B360.
Una scheda madre del genere si può trovare a circa 80 euro.
8 GB di RAM (ma anche 4 possono bastare) e un hard disk SSD possono costare, in coppia, circa 100 euro.

Un alimentatore discreto, un cabinet adeguato e ventoline di raffreddamento varie si possono trovare per altri 70 euro.
Quindi un Core I3, al netto di caratteristiche particolari, può costare dalle 350 alle 450 euro al massimo.
Diciamo che anche 500 euro è una spesa accettabile per un Core I3 con una scheda video dedicata.
Ma non di più.

           

E quanto dovrei spendere per un Core I5?

Fermo restando quanto considerato per il Core I3, un Core I5 offre ulteriori possibilità di sviluppo e ha necessità hardware leggermente superiori.
Per essere più specifici, il Core I5 offre il meglio di sé quando è accostato a una scheda video dedicata.
Sia per usi “grafici” che per i videogame, il Core I5 ha bisogno di un supporto hardware che sappia valorizzare la resa a video dei suoi poderosi calcoli.

Un Core I3 si può usare per i videogame. Ma un Core I5 è di certo più indicato. Oltretutto un Core I5 sfrutta meglio qualsiasi scheda video gaming rispetto al Core I3.
Il motivo è semplice. Il processore calcola delle variabili, queste variabili sono spedite alla scheda video che gestisce la restituzione dell’immagine. Più il processore calcola velocemente le sue variabili e più la scheda video sarà sfruttata.

Un Core I5 ha un costo medio di circa 220 euro. A questo bisogna aggiungere una scheda madre di buon livello e una scheda video adeguata. Un computer ben calibrato su un Core I5, a prezzo onesto, può costare dalle 650 alle 850 euro.
Ovviamente, sulla base della scheda video scelta, il prezzo potrebbe salire fino a 1000 euro.
Lo sai che esistono schede video che costano oltre le mille euro, vero?

     

Svenarsi per un Core I7? Giammai.

E proprio perché esistono schede video dal costo superiore alle mille euro, esiste anche il Core I7.
Il Core I3 può far lavorare bene schede video Low Profile e processori grafici senza troppe pretese. Diciamo che il limite massimo di un Core I3 è una scheda video GTX 1050.

Per schede video più potenti, è necessario un processore Core I5. Un Core I5 supporta in maniera ottimale schede video con processore grafico GTX 1080. O magari un RTX 2060. O anche una Vega 56.
Ma per schede video ancora superiori, è necessario un Core I7.

Naturalmente un Core I7 con una scheda video di basso livello lavora comunque bene. Non avrà una potenza di calcolo grafico ottimale, ma le potenzialità del processore restano invariate. A differenza di un processore Core I5 con una RTX Titan.
La RTX Titan lavorerà al 50% della sua potenza – ovvero avrai sprecato il 50% di una scheda video high-end.

Un processore Intel Core I7 ha un costo variabile tra le 390 e le 500 euro. Per un processore del genere è bene scegliere schede madri High End dal costo di circa 150 euro. O più.
Anche le RAM devono essere di qualità migliore, e così un bundle da 8GB ti costerà circa 70 euro. Ma è meglio se usi un bundle da 16GB, e così alziamo il costo a 120 Euro.
Il resto della macchina può restare invariato, e il costo finale (e onesto) di un Core I7 bene assemblato si aggira intorno alle 1200 euro.

Il prezzo non è solo questione di processore

Tieni comunque a mente che il prezzo non è solo dovuto al processore, ma anche alle altre componenti hardware che completano il tuo futuro PC.
Certamente con un Core I3 non potrai sperare in caratteristiche top di gamma, e i costi di un PC Core I3 sono comunque contenuti al di sotto delle 500 euro.
Un Core I5 può ospitare componenti hardware molto più varie, e pertanto il suo costo è variabile tra le 650 e le 850 euro. O anche qualcosa in più se, ad esempio, montiamo una scheda video GTX 1080 con delle RAM ad alta frequenza.

Un Core I7 amplia la forbice delle compatibilità. E quindi una configurazione da 1100/1200 euro avrà caratteristiche minimali per questo processore. Di certo se monterai una RTX 2080 TI, un moderno M.2 NVMe ad alta capienza e RAM ad alta frequenza potresti vedere il costo del PC rasentare i 2000 euro.
Ma a quel punto, forse, ti conviene acquistare un Core I9.

L’importanza dell’equilibrio

Al di là del prezzo, che comunque riveste uno dei due fattori principali su cui basare l’acquisto di un PC, il dettaglio a cui ti invito a prestare attenzione è la configurazione generale della macchina.
Innanzitutto non accontentarti di una Scheda Madre bizzarra. Cerca sempre di scoprire marca e modello della scheda madre che ti propongono e valutane l’adeguatezza sul sito produttore.

Poi fa attenzione alla portanza e alla stabilità dell’alimentatore. 350 Watt per un Core I3 sono più che sufficienti, ma che siano almeno certificati 80 plus. Altrimenti di 350 Watt nominali, potrai sfruttarne appena 200 – e nemmeno troppo stabili.
Dopotutto sappi che il funzionamento operativo di un processore si basa sull’energia elettrica che attraversa i circuiti. Poca energia è sinonimo di scarso rendimento.

Anche un buon Hard Disk fa la sua parte. Sebbene non decisivo sulle capacità computazionali della macchina, per un risparmio di pochi euro non vale la pena utilizzare ancora gli Hard Disk ottici. Gli SSD son scesi di prezzo e offrono caratteristiche sicuramente più interessanti.

Butta un occhio sulla RAM. 8 GB sono sufficienti, ma a patto che non abbiano una frequenza sottodimensionata (inferiore ai 2400 Mt/s) e una latenza elevata (superiore a CL 16). E se il processore che hai scelto ha il moltiplicatore sbloccato, puoi sperare in RAM ad alta frequenza.
E se i GB sono 16 è meglio. Ma se sono 32 o 64, allora son davvero troppi e inutili – in altre parole, non li sfrutterai mai.

Un PC equilibrato ha un costo specifico. Quindi poni attenzione su entrambi i fattori: prima controlla che la build del PC sia effettivamente equilibrata, e poi accertati che il prezzo sia onesto.

I modelli del processore Core I3

Attualmente, tra i banchi mediatici degli store online, puoi trovare configurazioni di ogni tipo.
Il Core I3 più venduto è il modello 8100. Il Core I3 8100 è adeguatamente economico e ben calibrato sulle prestazioni che offre.
Esisono alche altre varianti del Core I3. C’è il modello 8300 e c’è il modello 8350K.
Questi due modelli in particolare hanno un costo leggermente maggiore rispetto all’8100, ma non offrono un adeguato incremento delle prestazioni.

In particolar modo il Core I3 8350K ha il moltiplicatore sbloccato. Che vuol dire? Vuol dire che puoi esercitare qualche modifica operativa sul processore al fine di renderlo più veloce.
Ma se mi chiedi: “ne vale la pena?” Ti rispondo di no.
Per poter effettuare l’Overclock di un processore hai bisogno di un apparato hardware di buon livello, e per “buon livello” intendo anche un costo elevato. Un costo troppo elevato se paragonato alle potenzialità offerte.

Un Core I5 8600K, o un Core I5 9600K, costano poco di più e si adattano allo stesso apparato hardware necessario per un Core I3 8350K. Quindi, se proprio vuoi fare overclock, investi su un processore più potente.

I modelli del processore Core I5

Per il Core I5 abbiamo a disposizione due generazioni: l’ottava e la nona.
Un Core I5 di ottava generazione ha quattro modelli specifici: il Core I5 8400, Core I5 8500, Core I5 8600 e Core I5 8600K.
Il modello 8400 è molto prossimo alle caratteristiche del Core I3 8350K, quindi lo escluderei.
Il Core I5 8600 ha un costo di poco inferiore al Core I5 8600K, e quindi lo escluderei.

Per quanto riguarda la nona generazione, invece, i modelli disponibili son solo due. Il Core I5 9400F e il Core I5 9600K. Il Core I5 9400F è un modello depotenziato di Core I5 che sfrutta il 100% delle pipeline per l’elaborazione dati: ovvero non ha una scheda video integrata.
Se hai intenzione di acquistare (cosa che ti consiglio caldamente per un qualsiasi Core I5) una scheda video dedicata e non vuoi fare overclock, allora il Core I5 9400F è la scelta più giusta da fare.
E poi costa di meno rispetto a tutti i Core I5 sia di ottava che di nona generazione. Quindi un doppio vantaggio.

Se invece vuoi fare overclock, allora mandiamo in pensione anche il Core I5 8600K di ottava generazione e scegli il Core I5 9600K. Il modello di nona generazione ha un costo inferiore rispetto alla generazione precedente.
Inoltre ha una frequenza di clock leggermente più alta e ha lo stesso numero di Core. E in entrambi manca l’HyperThreading.
A oggi non vedo alcuna convenienza nell’acquisto di processori I5 di ottava generazione, a meno che non si presenti qualche offerta davvero straordinaria.

I modelli del processore Core I7

Con il Core I7 la faccenda si complica.
Il Core I7 di nona generazione ha perso l’hyperthreading e ha guadagnato due core fisici. Ma il Core I7 di ottava generazione, sebbene con due core di meno, ha l’hyperthreading. Quindi il numero di Thread sale da 8 (della 9° generazione) a 12 (dell’8°).
E dodici “cervelli” son meglio di otto.

Acquistare un Core I7 senza il moltiplicatore sbloccato non ha senso nemmeno se intendi evitare l’overclock. Perché?
Perché il moltiplicatore sbloccato ti consente comunque di utilizzare RAM ad alta frequenza. Cosa che, un moltiplicatore bloccato non ti permette.
Immagina le RAM come fossero il frigorifero di casa. Se hai fame, apri il frigo e mangi. Ma se hai molta fame, apri il frigo e mangi di più. E mangi anche molto velocemente. Ecco, il Core I7 ha molta molta molta fame di dati.
Quindi è bene che il frigo sia capiente (16 GB di RAM) e molto veloce nel dispensare cibo (3000 Mt/s o più).

La lotta attuale è tra il Core I7 8700K e il Core I7 9700K. Ancora oggi io preferisco il primo per via dell’HyperThreading. Anche se i “soli” otto core del 9700K offrono un’ottima potenza di calcolo.
Una piccola postilla per il Core I7 8086K. Nel caso dovessi trovarlo a buon prezzo, non fartelo scappare.
Il Core I7 8086K è il processore più simile al Core I9 9900K che esiste. Infatti ha 6 Core, 12 Thread e raggiunge frequenze prossime ai 5.00 Ghz.

Uno specchietto per riassumere

Il Core I3 è adatto alle più comuni funzioni desktop e a un gaming di livello moderato. Non ti permette prestazioni eccellenti con il montaggio video e con la grafica tridimensionale, ma è un ottimo processore per grafica vettoriale e fotoritocco. Se sono queste le tue necessità di base, troverai di certo grande giovamento da un Core I3 8100.

Il Core I5 è un processore che se la cava bene con tutto. Ideale per il Gaming e la grafica vettoriale, adeguato anche per il montaggio video e la grafica tridimensionale. Ottimo per la programmazione di software e la computazione di grandi quantità di dati. Se vuoi un computer capace di far tutto, allora scegli pure un Core I5 9400F.
Nel caso in cui ti piacesse dedicarti all’overclock, allora orientati sul Core I5 9600K.

Infine, se vuoi un computer che eccella in ogni funzione scegli il Core I7.
Ottimo per il montaggio video e per la grafica tridimensionale. Eccezionale nel Gaming e in tutte le altre funzioni di base. L’unico limite del Core I7 è il prezzo, ma una volta acquistato farà parte della tua vita per molto molto tempo.
In ogni caso il Core I7 8700K è la scelta migliore. Ma non disdegnare nemmeno il Core I7 9700K – ammesso di trovarlo a un buon prezzo.
E dedica sempre uno sguardo ai modelli di PC dotati di Core I7 8086K: è un processore eccellente, forse il miglior processore (prezzo/prestazioni) che la Intel abbia mai prodotto finora. Ma ne ha prodotto solo 50.000 unità, e sono quasi esaurite.

E ora dimmi, quale tra gli Intel Core è il tuo preferito? Quale desideri? Quale possiedi? E come ti trovi?

           

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here