Home Creare Assemblare PC Assemblare PC: scegliere la migliore scheda video "Gaming" per giocare.

Assemblare PC: scegliere la migliore scheda video “Gaming” per giocare.
A

La scheda Video è il cuore di un PC Gaming

Quante volte hai pensato di comprare una console: “così posso giocare come Cristo comanda?”, ti sei detto.
E so che l’hai pensato perché credi che una console costi di meno rispetto a una buona scheda video per PC.
Ti dirò un segreto. L’ho pensato anche io.

Ero stanco di giocare a scatti, con dettagli indecenti e con tempi di caricamento orribilmente lunghi a causa di quello scatolone di PC che avevo.
Così ho comprato e cambiato console per anni.
Poi ho scoperto che un PC Gaming è più potente di una console, è più versatile di una console ed è anche più utile di una console.
E quando ho deciso di assemblare il mio primo PC Gaming, ho scoperto che è anche meno costoso di una console.


Questo Articolo è dedicato alle Schede Video Gaming, ovvero quella fascia di schede video pensata per dare maggiore risalto e fluidità ai videogames.

Le stesse considerazioni possono valere, con qualche eccezione, anche nel caso tu stia cercando delle schede video WorkStation per produrre rendering o montaggi video.
Ma, in questo caso, ti suggerisco di aspettare che finisca di scrivere l’articolo dedicato alla scelta della migliore scheda video per Workstation prima di procedere all’acquisto.


Vent’anni di Playstation!

Se dovessi guardare indietro tra gli echi del passato, mi renderei conto che all’inizio di questo millennio una Playstation 1 costava effettivamente molto di meno di un buon PC.

Oggi le console si sono rinnovate, hanno aderito alle politiche commerciali di Nvidia e AMD per quanto riguarda i chip grafici, e hanno ceduto all’evoluzione della tecnologia High-End.
Il risultato? Una console Next-Gen costa tra le 400 e le 500 euro.

Ma noi vogliamo giocare ancora meglio. Sempre meglio.

Se hai letto i miei articoli precedenti, avrai di certo capito che porto la bandiera del: Fai da solo che fai meglio!
E spendi sicuramente meno.

Sì, spendi meno.
Spendi meno perché un bel gioco per console costa 50-60 euro e un gioco per PC lo trovi a dieci o quindici euro in meno.
Ma ne parlerò in un altro articolo, quindi continua a seguirmi.

Una console di ultima generazione costa parecchio. Esce sul mercato a 500 euro e poi regge il prezzo a 459,99 euro per un paio di anni.
Quando diventa obsoleta iniziano a propinartela per “soli” 200/250 Euro se ci porti indietro la tua vecchia console.
Ma, ehi, se la compri usata puoi anche pagarla 159,99.

Quanto costa assemblare un PC-Gaming?

Un PC ha un mouse e una tastiera, ed è più semplice da usare per navigare, scrivere, programmare, disegnare o fare le cose che deve fare un PC.
E poi, vuoi mettere quant’è più preciso mirare ai bersagli con un mouse e una tastiera?

So anche che Playstation e XboX hanno di recente implementato un sistema “mouse & tastiera” nel loro novero di controller.
Ma lo sai quanto costano?

        

Mi potresti dire che qualche “cineseria” costa meno e funziona. Certo, ma se andiamo di “cineserie” ti assemblo un PC Gaming a 300 euro scarsi.
Ma tra un paio di anni, quando l’alimentatore inizierà a fare fumo nero e la scheda madre sciogliersi, non so se riuscirai a ottener ragione della garanzia commerciale.

D’accordo, ho capito. Ma quanto costa assemblare un PC-Gaming per giocare meglio di una console?

Vuoi giocare impostare i dettagli grafici su “Alto” o “Ultra”? Sei determinato a mantenere i gloriosi 60 FPS anche nelle fasi più concitate? Vuoi scegliere tra Mouse e JoyPad quando diavolo ti pare?

Prima di tutto definiamo un Budget di spesa: una console di ultima generazione costa 499 euro (al di là di promozioni straordinarie), e un apparato Mouse e Tastiera costa altri 100 euro (più o meno).
Un gioco appena uscito sul mercato, diciamo Resident Evil 2: Game Stop lo propone a 70 Euro. Con qualche promozione potresti trovarlo a qualcosina in meno, ma non troppo.

Vuoi scommettere che con meno di (499 + 100 + 70) 669 Euro ti faccio giocare a Resident Evil 2 con 60 FPS in 4K a 2160p?

Il Segreto che tutti sanno, ma che nessuno dice, è assemblare un PC scegliendo una scheda video economica, efficiente e ben dissipata.

Sul mercato delle Schede Video potremmo scriverci un libro.
I Chip Grafici di una Scheda Video servono solo ad accendere dei puntini luminosi sullo schermo: i Pixel.
Il processore grafico prende istruzioni, le elabora, conserva queste istruzioni nella memoria dedicata (o condivisa) e invia al monitor un segnale temporizzato su quale Pixel accendere e su quale Pixel spegnere.

Schede video più elaborate, invece, controllano ogni singolo Pixel in modo da sfumarlo gradualmente ogni volta che il vostro avatar (o qualche mob) si sposta sullo schermo.
Il resto sono effetti grafici detti “particellari”: esplosioni, raggi laser, effetti di luce.

Il lavoro di una scheda video, quindi, è piuttosto semplice. Prendi una coordinata, scopri il punto sulla mappatura del monitor, e fa quello che devi fare.
Fine.

Una lista di schede video perfette per il Gaming di ogni livello

Puoi cliccare su uno dei link proposti di seguito per raggiungere la sezione che ti interessa.
Capisco che l’articolo è piuttosto lungo, ma tu cerca di capire che l’argomento è altrettanto pernicioso.

Puoi saltare direttamente ai consigli di acquisto per schede video gaming di ogni livello. Ma così facendo non saprai mai ciò che intendo dirti nei paragrafi intermedi.

Caratteristiche e Specifiche di una Scheda Video per Assemblare il PC

Quindi, se ho capito bene, hai deciso di assemblare un PC per conto tuo. Fantastico.
Aggiungo una cosa: se sei arrivato a leggere anche questo articolo, dopo aver letto i precedenti, sei arrivato alla fine.
Il passo successivo è cercare le singole componenti Hardware in rete al prezzo più economico possibile.

Quali specifiche devi guardare in una Scheda Video?
Innanzitutto controlla la velocità del Core Clock.
Ma cos’è il Core Clock? Il Core Clock è la velocità con cui il processore grafico elabora le informazioni.

Poi guarda il Memory Bus Bandwidth e il bit-rate di memoria. Il primo indica la velocità con cui il processore grafico prende e invia dati alla memoria. Il secondo (il bit-rate) è la dimensione dei singoli pacchetti inviati.
Valori più alti indicano prestazioni migliori.

Inoltre è necessario valutare la quantità di Memoria RAM (o VRam) dedicata. La Ram Video è una particolare memoria volatile che conserva informazioni e le invia, il più rapidamente possibile, al processore grafico.

E se riesci a reperirlo in giro, perché sono pochi quei produttori che lo indicano espressamente, controlla la quantità di FLOPS di cui è capace la tua scheda video.
Cos’è un FLOPS? Un FLOPS indica la quantità massima di operazioni (calcoli di precisione, o in virgola mobile) che la tua scheda video può sopportare ogni secondo.
Nelle schede video moderne si parla di TeraFLOPS, ovvero mille miliardi di operazioni al secondo.
Un valore più alto, anche in questo caso, indica prestazioni migliori.

Ci sono altre specifiche importanti in una Scheda Video?

Sì. Ce ne sono altre.
Ma non voglio diventare noiosamente tecnico, anche perché se riuscissi a seguirmi mentre ti spiego i minimi dettagli tecnici sulla composizione dei transistori e degli altri Chip, non avresti bisogno di leggere questo articolo. In altre parole saresti già esperto.

Ad ogni modo tieni a mente una cosa molto importante: una Scheda Video (e qualsiasi Chip in genere) lavora meglio a bassa temperatura.
L’architettura di una Scheda Video non si limita alla potenza del Processore Grafico e alla quantità di Video RAM dedicata, ma è anche fortemente legata alla capacità di dissipare il calore.

Sulle schede video cosiddette Low-Profile è montato un dissipatore passivo: ovvero un blocco di alluminio, con qualche aletta, che serve a raffreddare le modeste temperature richieste al Chip Grafico.

Nelle schede video High-Profile, invece, è montato un sistema di dissipazione attivo dove, assieme al blocco in alluminio (o rame), esistono delle Heat Pipes, ovvero dei tubicini riempiti con acqua tri-distillata, etanolo o mercurio, che dissipano molto più calore della singola piastra di alluminio.
Inoltre, su queste schede video, sono montate delle cooling fan (ovvero delle ventole) che forzano la pressione dell’aria tra le alette del radiatore.

Un numero maggiore di Heat Pipes e un numero (o una potenza di RPM o Pressione Statica) maggiore di ventole, induce una dissipazione migliore.

Se hai letto fino a qui, allora ti svelo tutto quello che so.

Scrivere è una faticaccia, sai? Spero tuttavia di essere stato capace di usare termini semplici per chiarire concetti complicati.
Ma adesso arriva la parte difficile, ovvero quella commerciale, quindi presta molta attenzione.

In commercio esistono due famiglie principali di processori grafici: la Nvidia e la AMD. Ne esistono altri, ma sono “cineserie”.
Queste due famiglie di processori grafici producono decine di modelli diversi di Chip, e su ogni tipologia di scheda prodotta, montano Chip più o meno performanti a seconda della fetta di mercato che vogliono raggiungere.

Come se non bastasse, oltre alle due famiglie produttrici e alle decine di tipologie di schede grafiche prodotte da ognuna di loro, esistono altre decine di marchi distributori.

Per farti un esempio, la Nvidia produce il processore grafico GTX 1050 e la MSI lo installa in 5 o 6 architetture differenti di schede video. In genere ne esiste una “Reference” ovvero con impostazioni di base, una “OC” ovvero OverClock con impostazioni potenziate, una dissipata poco, una dissipata media e una dissipata molto.
Una con luci stroboscopiche e una buia come la notte.
E varie dotazioni di VRam dedicata.

Che confusione: sarà perché ti amo?

Ti piacciono chiarezza e semplicità? Bene. Anche a me.
Sono andato a impicciarmi dei processori grafici che usano le moderne console da gioco.

La Xbox One X monta una GPU (Graphic Processing Unit) con Core Clock a 1172 Mhz, capace di 6,0 TeraFLOPS.
Ha ben 12 Gb DDR5 di RAM, una Memory Bandwidth di 326 Gb/s e un Ram Clock di 8.000 Mhz.
Mal di testa? Nevralgie?

La Playstation 4 Pro monta una GPU con Core Clock a 911 Mhz, capace di 4,3 TeraFLOPS. Ha 8 Gb DDR5 di RAM e una Memory Bandwidth di 218 Gb/s.

Con le Console si gioca bene, ma col PC si gioca meglio. Molto meglio.

Allora, vuoi o non vuoi un PC-Gaming migliore di una Console, e che costi di meno?

Il Processore Grafico GTX 1050, che è il piccolo di casa Nvidia, ha un Core Clock di 1392 Mhz e monta anche un boost capace di aumentarne la frequenza a 1518 Mhz.
La capacità di calcolo è di 1.86 TeraFLOPS, e ha 2 Gb di RAM DDR5 con un Memory BandWidth di 112 Gb/s.
Costa intorno alle 140/150 Euro nelle sue differenti versioni e architetture.

Meno TeraFLOPS e meno RAM porteranno un risultato di certo inferiore a quello delle console confrontate, ma ti propongo la sfida di cercare le differenze durante una normale sessione di gioco tra un PC-Gaming assemblato con GTX1050 da 500 euro, e una PlayStation 4 Pro.

La XboX One X, stando alle specifiche di Microsoft, è ancora più potente e per emularne le caratteristiche, dovrò usare una AMD RX 570 da 8 Gb DDR5. La piccolina di casa AMD.
Il prezzo si aggira intorno alle 170/180 euro, ma rispetto alla GTX 1050 ha un Core Clock di 1244 Mhz e ben 5.1 TeraFLOPS.

Anche in questo caso le specifiche della Scheda Video sono inferiori a quelle della Console, ma provala in azione e sono sicuro che non noterai differenze nell’esperienza di gioco.

Cos’è l’esperienza di gioco?

Ecco il nocciolo dell’intero discorso.
HDR per i colori. Va bene.
G-Sync o FreeSync per il refresh verticale delle immagini. Va bene.
Dot-Pitch e Quantum-Dot per la risoluzione interpolata di … oddio, basta.

Vi siete mai chiesti per quale motivo tutte i produttori di “immagini in movimento” esaltano la qualità dei dettagli esponendo foto in fermo immagine ingrandite di 10 o 20 volte?
Perché, quando vado a comprare una televisione, il commesso mi invita ad avvicinarmi allo schermo, fino a toccarlo col naso, per controllare l’incredibile precisione del dettaglio?

Davvero giocate col naso attaccato al monitor? Oppure siete abituati giocare in “fermo immagine” ingrandita 10 o 20 volte?
No, io direi di no.

Piuttosto mi piace credere che giochiate seduti comodi sul divano, o su una ancor più salubre sedia da gaming, a una distanza sufficiente da vedere l’intero schermo.
Sono sicuro che non mettete il gioco in pausa ogni dieci secondi per avvicinarvi e guardare i dettagli. Sono altrettanto sicuro che non facciate foto ravvicinate alle immagini sul monitor per poi ingrandirle e ammirarne al precisione.

Ecco. L’esperienza di gioco è proprio questa.
Al di là delle caleidoscopiche immagini proposte dai produttori di schede video, della quantità di RAM, Clock, Bandwidth e TeraFLOPS, quello che conta è divertirsi giocando in modo fluido e definito.
L’occhio umano ha dei limiti. Non percepisce frequenze al di sopra dei 100 Hz, ha uno spettro cromatico ben più ridotto rispetto ai 16.8 milioni di colori che ci propinano. Deve mantenersi a una distanza sufficiente dalla fonte dell’immagine per poterla gustare tutta: tanto con la fovea, quanto con la visione periferica.
Specialmente se, passati i quarant’anni, avete perso qualche diottria.

La tecnologia è più forte della natura.

La messa a fuoco avviene in un campo visivo estremamente ridotto e l’acquisizione del movimento segue processi psicofisici molto più limitati rispetto alle frontiere infrante dalle nuove tecnologie di schermi, schede video e realtà virtuali.

Io non produco schede video e nemmeno le vendo.
Il mio obiettivo è aiutarti a decidere. Decidere se acquistare un PC assemblato, decidere se assemblare un PC per conto tuo e, soprattutto, suggeriti come scegliere la migliore tra le componenti Hardware che propone il mercato.

Tu sai ciò che vuoi, io posso solo aiutarti a trovarlo.
Se vuoi giocare come se avessi una console tra le mani, va bene. Compra pure una console. Ma sappi che stai spendendo molto di più di quanto potresti spendere.
E credo che a nessuno piaccia spendere di più di quanto dovrebbe, non è così?

Allo stesso prezzo di una console, con una scheda video molto economica, puoi giocare meglio. Inoltre hai tra le mani un prodotto molto più utile, con cui fare tante cose in più.

Ma serve o non serve una Scheda Video Gaming in un PC Assemblato?

Dipende dall’uso che vuoi farne.
Se vuoi giocare, allora non ti serve aggiungere nulla. Compra un processore AMD con un buon processore video integrato e gioca tranquillo.

Nel caso in cui tu voglia far girare giochi di un certo livello, dei cosiddetti Tripla A di ultima generazione, allora una scheda video economica (AMD RX 570 / Nvidia GTX 1050) saranno più che sufficienti.

Per il resto, se sei come me e non badi troppo al budget quando si tratta di dar valore al tuo tempo libero, allora spingiti oltre.

Esistono delle configurazioni Hardware per ogni gusto, piacere ed esigenza. In fondo lavoro tutto il giorno, e se a fine mese riesco a risparmiare qualcosa, voglio spenderlo per qualcosa che mi faccia stare davvero bene.

Le Fasce di livello delle Schede Video Gaming.

Per essere ancora più pratico e diretto, ti propongo un elenco di Schede Video Gaming divise per qualità, prestazioni e prezzo.


Schede Video Gaming – Low-Profile

Queste schede video servono a poco.
Spesso non son più potenti dei chip grafici integrati nella maggior parte dei processori.
Fanno eccezione solo due modelli dotati di architettura con un buon dissipatore e ventole:
AMD Radeon RX 550
Nvidia GT 1030 OC
Entrambe queste schede grafiche si mantengono sotto ai 100 euro di prezzo. Erogano una potenza di 1,1 TeraFLOPS e hanno una piccola, ma tenace, quantità di VRam DDR5 dedicata.
La AMD si propone in due versioni: da 2 e da 4 Gb.
La Nvidia, invece, ha solo la versione da 2 Gb.

Di seguito vi propongo i migliori modelli in vendita su Amazon.

   

Schede Video Gaming – Entry Level

Queste schede video sono un’ottima base per assemblare un PC gaming economico e versatile.
Vuoi far girare tutti i videogame che ti piacciono, a un buon livello grafico e 60 FPS?
E allora scegli una scheda video della serie AMD RX 560 o Nvidia GTX 1050. Con 2 o 4 Gb di Video Ram DDR5 dedicata e almeno 2 TeraFLOPS di potenza computazionale.
La AMD RX 560 ti propone una sola versione, mentre la Nvidia GTX 1050 ha una versione Titan con un OC più ampio e 4 Gb di Video Ram.

Di seguito vi elenco le proposte di Amazon riferite alle migliori architetture (dissipazione, chip e controlli di fase) della loro categoria. I prezzi possono variare spesso, quindi tenete a mente una cosa: è facile incappare in offerte da cogliere al volo.

   

Schede Video Gaming – Performance Profile

Questo livello di schede video si mantiene su fasce di prezzo comprese tra 200 e 300 euro. Sono schede video pensate per garantire il massimo livello dei dettagli e la fluidità degna di un film in ogni videogioco che preferisci.
Ricorda: esprimono il loro pieno potenziale a 1080p e siamo già oltre la qualità e l’efficienza proposta dalle console di ultima generazione.

Ti sto proponendo di valutare i chip grafici di Nvidia GTX 1060 e di AMD RX 570. Queste due GPU sono equidistanti sotto ogni profilo. La RX 570 ha un core clock più basso della GTX 1060, ma ha 5.4 TeraFLOPS di potenza computazionale.
E costa un bel po’ di meno della GTX.

La GTX rilancia con un core clock di 1708 Mhz (400 Mhz in più della RX 570), riducendo la potenza computazionale a 4.3 TeraFLOPS.
Naturalmente ti suggerisco di acquistare il modello con 6 Gb DDR5, perché la GTX 1060 con 3 Gb DDR5 è molto meno potente, ma non altrettanto conveniente.

   

Schede Video Gaming – Extreme Level

In questa categoria abbiamo le schede video domestiche più potenti della loro categoria. Si tratta di gioiellini pensati per lavorare con alti carichi computazionali.
E’ una fascia di mercato altamente competitiva, e proprio per questo satura di versioni più o meno potenti, più o meno dissipate e più o meno costose.

La scelta si complica, ma ti assicuro che è solo questione di prezzo. I processori grafici che ti sto per indicare sono discretamente capaci di gestire il 4K a 2160p.
In Full-HD e Quad-HD possono permettersi performance molto superiori ai Chip Grafici montati sulle Console più potenti.

Quindi valuta l’acquisto di questi processori grafici:
– AMD RX 580
– AMD RX 590
– Nvidia GTX 1070 Ti
– Nvidia GTX 1080
la Nuova: Nvidia RTX 2060

Ognuno dei processori grafici AMD eroga 6.0/7.0 TeraFLOPS di potenza con un Core Clock boost di 1350/1550 Mhz. Entrambi i Chip Grafici di AMD sono overcloccabili via software grazie al programma AMD Trixx.

Gli Nvidia sono il top che potrete trovare nel campo dell’utenza Gaming domestica: oltre 8.1 TeraFLOPS di potenza e circa 1.700 Mhz di Core Clock boost con piccole differenze tra i due modelli, entrambi overcloccabili via software.
Ovviamente la 1080 ha più potenza, ma costa anche di più.

Più nuova di tutte le altre, la Nvidia RTX 2060 è, a oggi, la scelta più indicata per questo livello di gaming. Il costo non è proibitivo, ma le prestazioni sono di un livello decisamente superiore.
Controlla su Amazon, se trovi questo gioiello di scheda video a meno di 425 euro, allora comprala all’istante!

 

Attenzione: esiste anche una GTX 1070 (non Ti). Lasciala perdere. Qui sotto ti elenco i modelli migliori di questa serie di schede video, confronta i vari prezzi su Amazon.

 
 

Schede Video Gaming – Extreme High Profile

Andiamo ancora più in alto. Sia di prezzo che di prestazioni.
In questa fascia di schede video inseriamo sistemi capaci di gestire il 4K Ultra-HD con estrema potenza ed eleganza. 60 FPS garantiti e dettagli impostati sul massimo disponibile.
Anche per i giochi più voraci che conoscete.

Sono schede video che non si piegano e non scendono a compromessi. Sto parlando della AMD Vega 64 e della GTX 1080 Ti.
La AMD propone un’ottima architettura a un prezzo più goloso rispetto alla Nvidia. Tuttavia la GTX 1080 Titan non ha eguali in fatto di prestazioni e potenza.
Almeno non in questa fascia di mercato.

12.6 TeraFLOPS per la AMD Vega 64, 8 Gb di RAM DDR5 (1.890 Mhz di Memory Clock) con un bit-rate esagerato: 2048 bit e un core clock di 1546 Mhz.
11.3 TeraFLOPS per la Nvidia GTX 1080 Ti, 11 Gb di RAM DDR5X (11.000 Mhz di Memory Clock) con un bit-rate elevato: 484 bit e un core clock 1582 Mhz.

Equivalenti? Sì, direi di sì.
La Nvidia gestisce meglio le temperature (infatti della Vega 64 è disponibile un modello di serie con raffreddamento a liquido) ma in caso di Dual GPU, preferirei avere una Vega 64 con processore AMD per la migliore gestione delle PCI-e Lines.

Questi modelli resteranno sul mercato ancora per poco tempo. Molto presto la nuova (e futura) versione High Profile della AMD e l’attuale nuova generazione delle Nvidia RTX si sostituiranno alle GTX 1080 TI e alle VEGA.
Se volete fare buoni affari, è il momento giusto.

   

Schede Video Gaming – High End Profile per Enthusiast Gamer

Queste schede video sono per i cosiddetti Enthusiast Gamer. Hanno un costo sovradimensionato, prestazioni sovradimensionate e un fascino a cui pochi sanno resistere.

Sto parlando, naturalmente, delle nuovissime Nvidia RTX 2070, RTX 2080 ed RTX 2080 Ti.
La AMD non ha ancora aggiornato questa fascia di mercato, e forse ha deciso, per il momento, di lasciare questi utenti così esigenti alla mercé della sola Nvidia.
Politiche commerciali a parte, devo ammettere che la Nvidia si è davvero superata.

Tutti e tre i Chip Grafici di Nvidia High-End montano RAM DDR6 con una frequenza stratosferica: 14.000 Mhz.
La “piccola” RTX 2070 spara solo 7.4 TeraFLOPS e, fino al probabile sviluppo di una Titan, la lascerei perdere. Piuttosto, se fossi in te (vista la differenza di prezzo non esagerata) punterei tutto sulla Nvidia RTX 2080.
La Nvidia RTX 2080 è capace di piegare i monitor 4K con Refresh Rate di cui non sono nemmeno lontanamente capaci. Inoltre i 10.0 TeraFLOPS di cui è capace la rendono il piatto più goloso dove infilare i videogames preferiti.

Prima di parlarti della punta di diamante, inizia a confrontare i prezzi dei migliori modelli sul mercato.

   
   

Nvidia RTX 2080 Ti da 11 Gb – King Level

Solo poche parole: 13.4 TeraFLOPS, 11 Gb di RAM DDR6 con Bandwidth a 616 Gb/s e un Bit-Rate di 392.
Questa scheda video viene proposta per il futuro supporto della tecnologia 8K.
Attualmente non esiste un monitor (a prezzi vagamente umani) capace di una risoluzione così elevata, ma quando arriveranno sul mercato, sarai già pronto per acquistarne uno.

Per il resto, questa scheda video è capace di gestire dettagli Ultra in 4k UHD senza nemmeno avvicinarsi al massimo delle sue potenzialità.
Se vuoi il massimo, questo è il massimo.

   

E Per assemblare un PC Workstation?

Per questa fascia di PC, in base all’utilizzo che vuoi farne, esistono altre soluzioni di schede video.
Sono soluzioni molto più potenti di quelle destinate al gaming perché il render e il montaggio video richiede calcoli e computazioni molto più complesse.

Oltre alla complessità dei calcoli richiesti, le schede video destinate ai lavori di Render e Montaggio Professionale sono sottoposte a carichi di lavoro più persistenti.
Hanno quindi bisogno di sistemi di dissipazione molto più importanti.

Ne parlerò in un articolo diverso, anche perché l’architettura Hardware di contorno deve essere di ben altro livello rispetto a quella destinata al gaming.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here