Home Creare Assemblare PC Velocità, quantità e qualità della RAM DDR4 per assemblare un buon PC.

Velocità, quantità e qualità della RAM DDR4 per assemblare un buon PC.
V

Quando l'intelligenza scarseggia, la memoria aiuta.

Risposta facile: 4200 Mhz, 64 Gb, latenza più vicina possibile al CL1.
Complicazione: il costo di un apparato RAM DDR4 del genere, si aggira intorno ai 1.600 euro.
Risultato: se non è un problema, smettete di leggere e andate a comprarle.

Ma se anche voi, come me, non amate le risposte facili a causa delle complicazioni, allora impegniamoci un po’ di più e cerchiamo un giusto compromesso.
Innanzitutto è bene sapere che ogni processore ha un supporto specifico per le RAM. Per essere più precisi, ogni processore supporta banchi RAM fino a una determinata velocità.
Attualmente il massimo che potete aspettarvi da processori di buon livello, è il supporto per banchi ram a 2666 Mhz.
Più verosimilmente il vostro processore supporterà RAM fino a 2400 Mhz.

A questo punto mi potreste chiedere: perché esistono banchi RAM con velocità superiori  ai 2666 Mhz?
Di certo per alzare il costo dell’hardware, ma anche perché esiste la possibilità dell’OverClock (ossia di spingere la macchina oltre i limiti imposti dalle case produttrici dell’Hardware scelto).
Determinate combinazioni di schede madri e processori ammettono un ritocchino in velocità e il voltaggio, ma di questo ci occuperemo in un’altra sezione.


Quali sono le caratteristiche importanti di un banco RAM?

Iniziamo con la caratteristica più semplice: la quantità.
Per giocare agevolmente vi basteranno 16 Gb di RAM DDR4, per lavorare con i pacchetti Office vi basteranno 4 Gb di RAM DDR4, per dare una spinta in più al computer, raddoppiate queste quantità.

Passiamo alla qualità. I banchi RAM DDR4 sono dotati di coefficienti di latenza.
Cos’è la latenza?
La latenza di un banco RAM, in parole semplici, è il tempo che intercorre tra la lettura del dato e la sua preparazione per essere computato.
Inserisco il pollo nel forno, tiro fuori il pollo dal forno sperando che sia cotto. Beh, diciamo che come paragone è semplicistico, ma vi basti pensare che un forno professionale di qualità, magari ventilato, magari con controllo termico e diffusione omogenea del calore, magari anche tripolare, cucinerà il vostro pollo in minor tempo rispetto a un fornello dozzinale in offerta al supermercato.
Quindi una RAM DDR4 con CL15 sarà più veloce di una RAM DDR4 con CL19.

Frequenza della RAM

Veniamo alla velocità.
Come detto prima, affidatevi alle specifiche tecniche del produttore del Processore.
Se un Processore supporta RAM DDR4 a 2666 Mhz, comprate banchi RAM DDR4 da 2666 Mhz.
Ammesso che vogliate (e possiate) OverCloccare la macchina, orientatevi pure su velocità superiori.

Finiamo con una apparente banalità: il formato.
Si legge spesso la formuletta DDR4 o DDR3 (ma anche DDR e DDR2). Considerando che le DDR5 sono di prossima uscita, è facile intuire che il modello attualmente più evoluto di RAM sono le DDR4, e sono anche le RAM maggiormente supportate dalle schede madri e processori più diffusi in commercio.
DIMM o SO-DIMM: facile, le prime sono per i computer Desktop e le seconde sono per i Notebook.
Dual Channel, Single Channel, Quad Channel.
Non addentriamoci troppo nella questione. Semplicemente optate per le Dual Channel, le Single Channel ridurrebbero le prestazioni del sistema e le Quad Channel non apporterebbero sostanziali vantaggi in termini di prestazioni, anzi, nella maggioranza dei casi offrirebbero prestazioni identiche alle Dual Channel.


Ed è tutto?

Naturalmente no.
Se volessimo essere pignoli (e di fatto lo saremo) i banchi RAM hanno altre caratteristiche di cui tener conto:

  • CAS Latency
  • RAS to CAS
  • RAS precharge
  • tRAS
  • tRC

Manteniamo la calma e mettiamo ordine.
Immaginate le RAM come un foglio elettronico di Excel. In base ai dati da computare la RAM predispone una matrice pronta per essere riempita: la CAS Latency è (molto semplicisticamente) il tempo che impiega la RAM a predisporsi in matrice.
Una volta terminata la suddivisione in colonne, si suddivide in righe e riempie le singole celle coi dati: RAS to CAS.
Finita la prima riga, si passa alla seconda entro un determinato lasso di tempo: RAS precharge.

Ecco predisposta la nostra matrice con dati pronti per essere letti e computati.
Il valore tRAS è il tempo che intercorre tra la lettura di un dato specifico in una cella specifica e il suo invio al Chipset.
Il tRC è il tempo necessario a effettuare due letture sequenziali; in altre parole, durante la lettura di una riga, è il tempo che la RAM impiega a trovare la colonna corrispondente al dato cercato.

Più veloce o meno latente?

Ad ogni modo, più i valori di CAS Latency, RAS to CAS, RAS precharge e tRAS sono bassi, più il nostro banco RAM sarà performante.
Complicazione: dal momento che le RAM hanno velocità e latenze differenti, è più performante una RAM a 2133 Mhz con CAS Latency 14, o una RAM a 3200 Mhz con CAS Latency 20?

A occhio sono abbastanza equivalenti. ma a voler essere pignoli, la RAM a 2133 Mhz, avendo una latenza inferiore della RAM a 3200 Mhz, impiega 0,0003 nanosecondi in più (nonostante i 1000 Mhz in meno) a completare un ciclo di ricerca nel singolo dato.
Un incremento apparentemente esiguo, ma se considerassimo l’immane quantità di dati che passa per un banco RAM a ogni ciclo del Processore, potremmo concludere che il dato non è poi così trascurabile.
Sarà facile trovare mirabolanti fluttuazioni di spesa tra due moduli RAM con velocità diversa, in tal caso tenete a mente che sebbene presente, l’incremento di prestazioni non vale un maggiore esborso di 150/200 euro su 16 Gb di RAM indipendentemente dalle velocità offerte. 

Semplicemente, optate per le Dual Channel.

– Aristotele

Come ottenere il valore di paragone Velocità/Latenza?

Semplice, si tratta di applicare una semplice formula matematica: Latenza/Velocità del banco RAM DDR4 = velocità di computazione del singolo dato espressa in nanosecondi (un miliardesimo di secondo).
Per “Latenza” intendiamo il valore di CL, ovvero di CAS Latency.
Per “Velocità” intendiamo il valore dei Mhz del banco RAM.
Il risultato inferiore sarà il risultato preferibile.


Conclusioni

Le differenze prestazionali tra i vari banchi RAM esistono, ma producono effetti pragmaticamente trascurabili a meno di non dover effettuare calcoli per conto della NASA.
Quello che conta è non farsi fregare da memorie improbabili offerte a prezzi golosi. Considerate che alcune case produttrici di hardware producono banchi RAM dal 1987 quando un banco RAM poteva supportare al massimo 256 Kb di memoria, e sebbene la vetustà di un’azienda non sia necessariamente sinonimo di affidabilità, tra queste industrie esistono marchi blasonati che sanno far bene il loro lavoro.

Il mercato delle RAM, più del mercato dei Processori e delle Schede Madri, ingolosisce i pionieri della Hi-Tech economy; negli ultimi anni sono apparsi svariati produttori che hanno dovuto scegliere se darsi battaglia a suon di qualità oppure di marketing (son pochi quelli che hanno scelto entrambe le strade).
Dopo la recente nascita dei Modding per PC (lucine ed effetti colorati) la guerra si è inasprita e, come spesso accade nelle guerre mondiali, a farne le spese è principalmente il popolo.

Consigli su quale RAM DDR4 acquistare

Quindi scegliete delle più moderne RAM DDR4, in formato DIMM per i PC Desktop e SO-DIMM per i Notebook, Dual Channel, alla velocità massima supportata dal vostro processore (2400 Mhz o 2666 Mhz).
Se il vostro processore ha il moltiplicatore sbloccato potete orientarvi su RAM a velocità superiori, di solito 3200 Mhz sono più che sufficienti per un ritocchino di OverClock.
In ambo i casi, occhio alla latenza: un CL13/CL14 va benissimo per le RAM a 2400/2666 Mhz, ma difficilmente troverete latenze così basse per i 3200 Mhz o per il 4200 Mhz, in questo caso accontentatevi di un CL15/16 per i primi e un CL17/18 per i secondi.

Controllate bene le specifiche della Scheda Madre per sapere dove posizionare correttamente i banchi RAM.

Comprate due banchi RAM identici (per avere 16 Gb di RAM, comprate due banchi da 8 Gb ciascuno) e montateli nelle posizioni giuste: stampato sulla scheda madre è presente un riferimento alla posizione “giusta” dei banchi RAM (DIMM-A1, DIMM-B1, DIMM-A2, DIMM-B2 con l’indicazione dei primi due alloggiamenti da occupare con la dicitura “FIRST”).
Solitamente su 4 slot, la prima RAM va nel secondo alloggiamento e la seconda RAM va nel quarto.
Ma leggete bene il manuale della MoBo per esserne sicuri.


Un esempio veloce veloce

Ho preso a riferimento i valori reali di due banchi RAM prodotti da marchi blasonati e attualmente in commercio. Si tratta di due banchi RAM DDR4, dual channel, in formato DIMM da 16 Gb offerti in due Moduli da 8 Gb ciascuno.
Il primo, lo chiameremo “TENCULO” (detto alla romana), ha delle fasce led RGB spaziali, gode di ben 4000 Mhz di velocità e di un CL di 19.
Il secondo, lo chiameremo “GAJARDO” (nel medesimo idioma), non ha lucette spaziali, viaggia solo a 2666 Mhz e ha un CL di 13.
Eseguiamo i calcoli:

– TENCULO
(19/4000) = 0.00475 Nanosecondi.
– GAJARDO
(13/2666) = 0.00487 Nanosecondi.

Quindi, il banco “TENCULO”, bello luminoso dalla pomposa velocità prestazionale è appena 0,00012 millisecondi più performantedel buio e derelitto banco “GAJARDO”.
Sarà per questo che la pregiatissima coppia di banchi RAM “TENCULO” sono venduti a circa 370 euro, mentre la disgraziata coppia di banchi “GAJARDO” sono offerti a meno di 150 euro?

La differenza tra i due diventa importante per quanto riguarda le rispettive performance di un sistema non Overcloccato: il banco “TENCULO” sfrutterebbe solo 2666 Mhz di velocità effettiva risultando orridamente più lento per via dell’elevata latenza [19/2666 = 0,0060 ns], mentre il banco RAM “GAJARDO” passerebbe in vantaggio grazie ai suoi 0,0048 ns.
Ma anche in un sistema Overcloccato il banco “TENCULO” non riuscirebbe comunque a fornire un sensibile incremento di prestazioni rispetto al banco RAM “GAJARDO”.
Quindi, i 220 euro di differenza consiglierei di investirli su una CPU più performante o su una MoBo con architettura migliore che spenderli sulle fantomatiche velocità della RAM.

Altri articoli in: Assemblare un PC



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here